Salvatore Coddetta maggio 21, 2019 Nessun commento

Il ritocco che fa vendere: l’espressione è di Paola Marella, star della TV digitale terrestre con una serie di programmi su Home Staging e arredamento di interni.

Home Staging è una vera tecnica di marketing immobiliare, in grado di valorizzare immagine e struttura di un immobile prima che sia messo in vendita.

E’ l’unica attività in grado di agire sulla leva Prodotto all’interno del marketing mix immobiliare.

Il punto di partenza è che la decisione d’acquisto di una casa si perfeziona statisticamente in 90 secondi. Acquistare casa è paragonabile quindi ad una sorta di colpo di fulmine.

Ecco perché è importante presentare un alloggio nella maniera migliore possibile.

L’Home Staging è in grado di velocizzare i tempi di vendita di un alloggio: nel nostro paese la media è scesa sotto i 180 giorni, con l’Home Staging ci si può riuscire in 35. Grande risultato se pensiamo allo stock immobiliare presente.

Altra funzione è quella di valorizzare l’alloggio anche dal punto di vista della valutazione. Un buon intervento di Home Staging è in grado anche di far apprezzare una casa del 10-15%. O quantomeno di ridurre e annullare lo sconto richiesto.

Ecco perché conviene sempre.

Da cosa si parte? Da un sopralluogo con il professionista, che poi sottoporrà al proprietario (e all’agente immobiliare) un progetto di valorizzazione.

Bisogna eliminare in primis tutti gli oggetti superflui dalla casa in oggetto. Occorre infatti rendere la casa meno “personale” e più pronta quindi ad essere messa sul mercato.

Si passa poi all’eventuale verniciatura degli ambienti, al fine di rinfrescare il tutto ma anche di introdurre nuovi colori che possano davvero condizionare in meglio l’impressione generale, arredando.

E’ il momento poi del mobilio, tendenzialmente è possibile riposizionare l’arredo presente valorizzandolo meglio o, più frequentemente, si acquistano nuovi mobili per creare ambienti diversi, talvolta modificando anche la funzione degli stessi.

L’Home Staging è in grado di rivalutare al meglio angoli e spazi che precedentemente non sono stati valorizzati abbastanza. Anche un piccolo balcone, adeguatamente rivisto, cambia luce ed aspetto e dà valore all’intera casa.

Tendenzialmente l’Home Staging non coincide con la ristrutturazione, ma almeno un poco di riparazioni su strumenti funzionali (come un lavandino, ad esempio) vanno fatte.

E poi la pulizia: occorre eliminare oggetti superflui ma soprattutto rendere l’ambiente più pulito ed accogliente.

Un intervento di Home Staging è molto spesso “leggero” e non strutturale ma serve al suo scopo: rivalutare un alloggio e presentarlo al meglio.

Spazio alla creatività allora!

StumbleUponEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *