Salvatore Coddetta maggio 28, 2019 Nessun commento

Il mentoring (cfr: Wikipedia) è una metodologia di formazione che fa riferimento a una relazione (formale o informale) uno a uno tra un soggetto con più esperienza (senior, mentor) e uno con meno esperienza (junior, mentee, protégé), cioè un allievo, al fine di far sviluppare a quest’ultimo competenze in ambito formativo, lavorativo e sociale e di sviluppare autostima, a livello educativo-scolastico, per un reinserimento sociale (cfr. dispersione scolastica e disagio giovanile)

Un programma di mentoring è uno degli strumenti più efficaci per ottenere risultati di business anche nel campo immobiliare. Tra gli Agenti Immobiliari che hanno avuto un’esperienza di mentoring, il 95 per cento sostiene che li ha motivati a fare del loro meglio, l’88 per cento ha detto che ha ridotto le probabilità di licenziamento e il 97 per cento ha detto che ha contribuito al loro successo in azienda.

L’origine della parola mentore è antichissima, risaliamo infatti a poema epico Odissea: Mentore era l’amico fidato e consigliere di Ulisse, il quale, prima di partire per Troia, gli chiese di prendersi cura di suo figlio Telemaco e di prepararlo a succedergli al trono. Nel corso del poema, la Dea Atena assunse le sembianze di Mentore per guidare, proteggere e istruire Telemaco durante i suoi viaggi.

Le funzioni del mentoring possono essere riassunte in queste tre principali:

  • sostegno nel percorso formativo: il mentore è importante per definire i bisogni del discente, riconoscere il proprio stile di apprendimento, il proprio posizionamento e i passi necessari per crescere nell’apprendimento;
  • introduzione alla cultura organizzativa: il mentore è in grado di definire e strutturare l’appartenenza del protetto nell’ambito dell’azienda in cui opera
  • sostegno all’iniziazione alla cultura organizzativa.

In ambito immobiliare, molte strutture hanno scoperto che fornire un mentore ai propri collaboratori non solo li aiuta a stabilizzarsi nel loro lavoro e a migliorare il clima aziendale, ma contribuisce anche ad un tasso più basso di turnover dei collaboratori e a una maggiore soddisfazione nel lavoro.

Il mentee è, infatti, una persona desiderosa di apprendere, che intende avvalersi dell’opportunità di imparare da una persona esperta, che ha già raggiunto determinati traguardi professionali. Il rapporto tra il mentee e il mentore deve essere basato sulla fiducia. In un programma di mentoring aziendale il mentore, di solito, aiuta il mentee per un certo periodo di tempo.

I consigli del mentore possono comprendere la più elementare delle informazioni sulla routine di tutti i giorni, compresi i suggerimenti sulle cose da “fare e non fare” e aiuta il collaboratore ad essere proattivo e a prendersi delle responsabilità sul lavoro e lo prepara per futuri ruoli all’interno dell’agenzia. Un mentore è disponibile a rispondere alle domande del mentee e favorisce lo sviluppo della leadership nel mentee.

Inoltre, i mentee spesso si sentono più a loro agio a fare domande al loro mentore che ai loro titolari. Un programma di mentoring immobiliare si verifica quando una agenzia nomina un professionista con una vasta conoscenza ed esperienza per fungere da mentore ad un collaboratore che la società ritiene abbia un ottimo potenziale di crescita.

Il giusto mentore può fornire una visione nuova e portare la ricchezza della sua esperienza che ha accumulato in anni di esercizio della tua stessa attività in proprio.

I mentori di FormaRE sono desiderosi di trasmetterti la loro esperienza. Invia subito la richiesta per iniziare un programma di mentoring aziendale.

StumbleUponEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *