Salvatore Coddetta agosto 1, 2019 Nessun commento

App, strumenti digitali, formazione, innovazione: l’agente immobiliare del futuro usa un mix di strumenti per interagire in modo sempre più performante e veloce con i propri clienti.

E’ necessario usare questi strumenti?

Quindici anni fa le persone si chiedevano: “Dobbiamo usare l’email a tutti i costi?”

Poi tutti l’hanno utilizzata.

Poi la gente si è chiesta: “Abbiamo davvero bisogno di un sito internet?”. La storia ha dimostrato di sì, per quasi ogni tipo di business.

Ora la domanda che la gente rivolge è: “La nostra azienda dovrebbe usare i social e altri strumenti innovativi di interazione?”

La risposta è assolutamente, indubitabilmente: SI!

Gli agenti immobiliari del 2019 lavorano quasi tutti in modalità PUSH. Un po’ come nei sistemi di messaggistica: in un sistema “push” i messaggi in arrivo vengono attivamente inviati da un mail server al programma client anziché essere scaricati su richiesta del client stesso. Questo tipo di tecnologia viene impiegata soprattutto per consentire la ricezione di posta elettronica in tempo reale su terminali come smartphone e tablet, per i quali sarebbe costoso attivare un meccanismo di scaricamento periodico dei messaggi disponibili sul server (fonte: Wikipedia, www.wikipedia.it).

Il professionista PUSH è forse più giovane anagraficamente, ma l’innovazione tocca e investe qualsiasi demografia nell’ambito degli agenti immobiliari. L’innovazione non ha età, e questo è un bene!

Forse ha un po’ meno esperienza, ma si farà. E comunque il bagaglio esperienziale odierno si acquisisce in un tempo certamente inferiore rispetto al passato.

L’entusiasmo è una delle caratteristiche dell’agente immobiliare del futuro (e del presente). La passione deve giocoforza guidare le nostre scelte, qualcuno in passato ha parlato di emotional marketing e di Lovemark.

L’utilizzo di strumenti nuovi e innovativi distingue gli agenti immobiliari di oggi da quelli del passato.

Il dinamismo li fa essere sempre “on the go”, a battere le strade, il web e il proprio network.

L’agente immobiliare del futuro è proattivo, non aspetta in ufficio che gli incarichi piovano dal cielo.

Investe in formazione, elemento fondamentale, sia che costui appartenga ad un gruppo in franchising o lavori con la propria insegna personale.

La propensione al cambiamento lo caratterizza, perchè stare fermi è impossibile e non porta a nulla.

L’agente del futuro vuole crescere e si guarda intorno alla ricerca di canali e strumenti che lo rendano più performante.

Strumenti come quelli forniti da FormaRE, innovativi, smart, facili da usare.

StumbleUponEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *