Salvatore Coddetta ottobre 20, 2017 Nessun commento

Marketing internazionale delle proprietà immobiliari

Gli acquirenti stranieri stanno diventando ormai sempre più importanti per le agenzie immobiliari italiane. Sono sempre di più, infatti, le agenzie immobiliari italiane che si rivolgono ad un mercato estero.

Ora, se anche tu hai deciso, o stai semplicemente pensando, di rivolgerti ad un mercato estero ci sono alcune cose che devi sapere prima di iniziare. Innanzitutto devi trovare un modo per capire da dove provengono (da quale nazione specifica) i compratori stranieri interessati ad acquistare immobili nella zona d’Italia in cui opera la tua agenzia immobiliare.

Non solo….

è fondamentale anche che tu riesca a capire come generare, qualificare e convertire questi leads in potenziali clienti prima e clienti effettivi poi. Troppo spesso gli agenti immobiliari iniziano a fare marketing su proprietà da destinare ad un mercato estero senza prima aver trovato risposte a queste domande. E questo chiaramente influenza i risultati negativi che le loro campagne di marketing ottengono. Non fare anche tu questo errore 🙂

La prima cosa da capire è che il mercato internazionale è un mercato troppo vasto. E’ tutto il mondo! Bisogna ridurlo. Vedi, il marketing (anche quello internazionale) affinché funzioni davvero deve essere mirato. Gli acquirenti di nazioni diverse hanno anche motivazioni d’acquisto e interessi diversi. Le tue campagne di marketing internazionale devono riflettere queste differenze, così come la tua strategia deve essere basata sugli interessi specifici degli acquirenti stranieri.

E’ necessario quindi cercare di ridurre il mercato internazionale identificando il target giusto per la proprietà immobiliari che stai promuovendo nella tua zona. Questo vuol dire identificare gli acquirenti di una, due/tre nazioni al massimo, che più degli altri possono essere interessati ad acquistare una casa nella tua zona.

Ad esempio…

una buona idea potrebbe essere quella di fare più post sponsorizzati su Facebook, in diverse lingue, profilando per ogni post il pubblico di destinazione per nazioni diverse, e monitorare i risultati. Il post che riceve più reazioni (like, commenti, condivisioni) ti darà un’indicazione abbastanza precisa di quale potrebbe essere la singola nazione a cui proporre le tue case. In questo caso, piuttosto che promuovere una proprietà in tutto il mondo (che sarebbe dispersivo) ti concentrerai a promuoverla, da questo momento in poi, solo in quella nazione. Ha senso per te quello che sto dicendo?

Ora, un’analisi simile potresti farla anche con Google AdWords, applicando dei filtri geografici, e in questo caso avresti un secondo indicatore che, se ti conferma quello che ti diceva già il primo indicatore (facebook), ti darà una ragionevole certezza che quella è la nazione giusta a cui promuovere il tuo immobile.

Gli acquirenti che provengono da altri Paesi hanno anche una lingua e una cultura diversa a seconda della nazione dalla quale provengono. Le tue campagne di marketing devono anche riflettere queste differenze linguistiche e culturali.

Un’altra cosa importante da capire quando si propone un immobile al mercato estero è come scrivere il messaggio.

Il peggior modo di scrivere un annuncio è quello di limitarsi a descrivere un freddo elenco di caratteristiche, mentre i migliori annunci sono quelli che raccontano una storia (la storia della proprietà o della zona in cui è localizzata la proprietà ad esempio). Racconta storie che comunicano efficacemente al cliente lo stile di vita e la sensazione che proverà acquistando e vivendo nella casa che gli stai proponendo.

Ora, prima di iniziare la tua prossima campagna di marketing immobiliare internazionale rispondi con precisione alle seguenti domande…

  • Sulla base dei dati che hai raccolto con le tue analisi di mercato, gli acquirenti internazionali rappresentano un mercato abbastanza importante per te?
  • I compratori di quali paesi, probabilmente, sono più interessati di altri a comprare una casa nella tua zona?
  • Quanti sono gli acquirenti provenienti dal Paese che hai identificato che sarebbero interessati a comprare una casa nella tua zona?
  • Che volume di fatturato potrebbero sviluppare?
  • Se gli acquirenti provenienti dal Paese da te identificato generassero per la tua agenzia un aumento del fatturato del 10-15%, questo volume di fatturato giustificherebbe gli sforzi e i costi di marketing che sosterrai per le tue campagne di marketing internazionale?
  • Il tuo team parla le lingue?
  • Il tuo sito è in più lingue?

Finché non hai le risposte a queste domande NON iniziare campagne di marketing immobiliare internazionale.

Consigli e suggerimenti sul marketing immobiliare a livello internazionale mi vengono costantemente richiesti dagli agenti immobiliari con i quali sono in contatto grazie alla mia attività di formatore e coach. Ho scritto questo articolo per aiutarti nella realizzazione delle tue attività di marketing delle proprietà immobiliari, ma se vuoi un aiuto ancora maggiore ti consiglio di iscriverti al corso Come Vendere Case Agli Stranieri che terrò a Firenze il 14 novembre insieme a Walter Di Martino.

Unisciti a noi per questo corso e permettimi di aiutarti a realizzare delle campane di marketing internazionale di successo.

StumbleUponEmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *